Perché la Befana si festeggia il 6 gennaio?

4 janvier 20201 min di lettura
La Befana si festeggia ogni anno il 6 gennaio

La Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte...

Chi non conosce questa filastrocca? E chi non ricorda la trepidazione con cui si aspettava la mattina del 6 gennaio per scoprire cosa c’era dentro la calza? Le origini dell'Epifania, festa tanto amata dai bambini, sono antiche: scopriamole insieme! 

La calza della Befana è una tradizione nata nell’antica Roma

Nell’immaginario collettivo, la Befana è da sempre una vecchina con il naso lungo, il mento aguzzo e un gran cappellaccio che vola su una logora scopa per portare doni a tutti i bambini: giocattoli, dolcetti, caramelle e, ai più monelli, il temuto carbone.

La Befana è una figura mitica

Sembra che le origini di questa figura mitica, fra leggenda e folclore, siano legate ad antichi riti propiziatori pagani e ai cicli stagionali dell’agricoltura. Pare che la sua storia abbia radici nell’antica superstizione secondo la quale durante la notte delle figure femminili volassero sui campi propiziando il raccolto. Insomma, una vera e propria manna dal cielo!

Trascorri gli ultimi giorni di vacanza con la famiglia

Infine, il nome Befana deriva dal greco Epifania che significa apparizione. Non a caso, festeggiamo questa ricorrenza il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, che tutte le feste porta via. Non è vero che dopo Natale le occasioni per celebrare sono finite: rendete unico l'inizio del nuovo anno programmando qualcosa di unico con i vostri cari!